Banner Top

Login

Cile: a rischio l'uva destinata all'Asia a causa delle piogge abbondanti

Le piogge inaspettate che si sono abbattute nei giorni scorsi nel Cile centro-settentrionale potrebbero avere un impatto rilevante sulla campagna di esportazione dell'uva da tavola dal paese verso l’Asia. Mentre il bollettino ufficiale con la stima dei danni non è ancora stato reso noto, Fedefruta ha individuato nelle piogge del 5 aprile, in particolare tra le zone di Coquimbo e di Maule, potrebbero aver avuto un effetto quanto mai negativo. Si contano i danni, dunque, i cui esiti saranno diffusi nei prossimi giorni con chiarezza e maggiori informazioni. Una particolare condizione di preoccupazione ha destato la produzione della cultivar Red Globe nella zona di Higgins, attualmente nella fase di raccolta. Secondo l’import manager di Eachtake (Cina) Juan Pablo Zhang, la qualità dell’attuale Red Globe non sarebbe sufficiente per le richieste del mercato asiatico, e questo causerebbe un alto livello di ritorno del prodotto nel paese esportante. Se da una parte, infatti, i prodotti chimici possono essere applicati per prevenire l’attacco dei fitopatogeni, dall’altra la qualità dell’uva spedita dopo le piogge sarebbe stata seriamente compromessa rispetto a quella precedente alla calamità abbattutasi. Una cosa è certa: se le piogge dovessero continuare e nelle stesse quantità, gran parte della frutta andrà persa. Secondo le osservazioni di Zhang, per le varietà apirene come Crimson o Autumn Royal, ad esempio, le abbondanti precipitazioni influenzeranno senza dubbio la loro qualità, limitando così la loro spedizione sui mercati dell’America Latina invece che su quelli asiatici.

Secondo il presidente di Uva Nova Carolina Cruz, le piogge sarebbero state nettamente superiori alle aspettative: i rapporti dalla regione di Valparaiso avrebbero registrato l’inizio delle piogge intorno alle 14. In alcune zone, sarebbero caduti addirittura 10 mm di acqua, mentre la grandine avrebbe creato uno strato sul suolo. Ma ciò che preoccupa maggiormente sarebbe la zona di Aconcagua, dove attualmente si sta procedendo alla raccolta di varietà Red Globe e Crimson: la prima, infatti, sarebbe più debole e meno resistente alle piogge rispetto alla Crimson. Già nei giorni successivi alle piogge si era osservato uno stato di putrefazione sulla pianta, a causa dell'elevata umidità. Una situazione molto complessa, quella che si prospetta, le cui conseguenze più probabili sul prodotto potrebbero essere patologie funginee come botrytis e marciume acido. Molto, tuttavia, dipenderà dalle condizioni successive alle precipitazioni, considerando altresì il fatto che il raccolto di Red Globe era stato completato per metà.

Nessun commento, invece, da parte dei produttori, che si sono chiusi nel silenzio della sorpresa: nessuno, infatti, si aspettava tali piogge intense, né il fatto che si sarebbe abbattuto più di 1 mm di pioggia. Fondamentale, in questo momento, sarà attivare il giusto e necessario supporto chimico e osservare come si evolvono le condizioni delle varietà che sono ancora in campo. 

Fonte: www.freshfruitportal.com

Traduzione e riadattamento a cura di Tablegrapes.it

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Bari

Banner 468 x 60 px